Look at me, I'm Sandra B!

Stalkeratrice di profumerie. Collezionista compulsiva di trucchi. Sbavatrice di vetrine. Mangiatrice di riviste di moda. Always broke.


Lascia un commento

Come è stato creato il mostro: la love story tra Sandra e la cosmesi.

Ero ancora una bambina quando mia madre mi portava con sé alla profumeria più “in” del paese, dove andava a provare trucchi, comprare creme costose e ascoltare consigli di bellezza.  Io, in quel mondo luccicante e variopinto, mi guardavo attorno rapita sognando di pasticciare coi colori e diventare bella come lei.

76254

In prima media avevo già preteso la linea completa di trattamenti viso della Garnier: crema giorno e notte, latte detergente, tonico… Fortunatamente per i miei genitori, la spesa era minima. Ci provò mio padre a cogliere la palla al balzo dicendo a mia mamma: “Per Sandra si spende pochissimo, perché tu per lo stesso tipo di prodotti mi costi così tanto?”. Ma lei lo mise a tacere dicendogli che io, nella mia ingenuità di bambina, non capivo ancora la differenza tra la qualità di un prodotto da supermercato e quella di uno da alta profumeria, e che si mettesse il cuore in pace. In quei momenti, mamma non sapeva che stava plasmando una piccola donna vanitosa e ambiziosa che di lì a pochi anni avrebbe voluto la crema viso Shiseido, il rossetto Chanel e il mascara Dior, con somma disperazione del papà, che invece dei vizi di una, doveva mantenere i vizi di due.

eyeko_02

Ai giorni nostri, la disperazione non è più di mio padre ma del mio fidanzato, che non sa come salvarsi da una casa invasa da cosmetici e da una ragazza che capta profumerie come le api captano il polline. Questo mio “super-potere” mi ha portato, nel corso degli anni, a sperimentare vari negozi, marche, prezzi e qualità di prodotti. Tutto per arrivare alla personale conclusione che… beh, vedrete su queste pagine!

Dior-Bird-of-Paradise-make-up-collectie-2013

Pagine che nascono da pensieri semplici ed esperienze genuine, senza pretese. Non mi eleverò a esperta di cosmesi. Non mi paragonerò ad una make-up artist. Né tantomeno fingerò di saperne di chimica. Non più di quello che i miei studi mi hanno insegnato, almeno.

Quando cerco in rete blog o siti che parlano di cosmetici e make-up, rimango spesso allibita di fronte alla loro pretenziosità. Blogger che dibattono dell’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) dei prodotti non avendo la benché minima nozione di chimica… la profusione di tutorial di trucco a cura di sedicenti esperte che ti farebbero uscire di casa somigliante alle acrobate del Cirque du Soleil… recensioni scritte con paroloni altisonanti che neanche i critici d’arte… foto fatte con Reflex, luci, fotografo professionista e ritocchi di Photoshop… nulla di tutto ciò qui sarà di casa. Saranno invece di casa il mio gusto personale, le mie esperienze, i miei pareri veritieri.  Tutto da mettere in discussione, se vorrai interagire con me.

E tu, come è nata la tua passione per la cosmesi?

 

Annunci